giovedì , dicembre 14 2017
Home / Smartphone / Come cambiare IMEI al Samsung
samsung

Come cambiare IMEI al Samsung


Il codice IMEI è una sequenza di 15 cifre identificativa di un telefono cellulare; il nome è infatti un acronimo che sta per “International Mobile Equipment Identity”. Tale codice viene associato univocamente ad un terminale mobile e ricopra diverse funzioni. Innanzitutto, essendo strettamente legato al cellulare, è utilizzabile ai fini della garanzia oppure può essere usato per inibire l’utilizzo dello smartphone ed eventualmente localizzarlo, in caso di furto dello stesso.

Conoscere il codice IMEI del proprio telefono Samsung è molto semplice, e ci sono due modi. Il primo è quello più immediato: è sufficiente digitare nel campo della chiamata la stringa *#06# per visualizzare l’informazione sul display. L’altro sistema è andare a ricercare la voce all’interno del menu: dalle “Impostazioni”, si deve selezionare il menu “Info Sul Dispositivo“, per poi andare su “Stato” ed infine sul menu “Informazioni IMEI”. Il risultato è, ovviamente, lo stesso.

Esistono dei metodi che consentono di cambiare il codice IMEI associato al proprio smartphone. È bene notare che questa è una pratica che non sempre è consentita dalla legge; tuttavia, ci sono dei frangenti in cui l’operazione si rende necessaria ed è opportuno conoscere per lo meno i procedimenti che consentono di attuarla. Capita infatti che le case introducano aggiornamenti solo per i modelli più recenti e chi ne possiede uno più datato non possa usufruirne. Cambiando l’IMEI, mettendone uno riconducibile ad un modello più recente, questo ostacolo viene superato. Ci sono però anche i lati negativi, infatti la garanzia del prodotto va a decadere e non sarà possibile ricevere un’adeguata assistenza dalla casa madre in caso di necessità.

Al netto di queste informazioni, ecco come cambiare il codice IMEI del proprio telefono cellulare Samsung.
Se il possessore del telefono si è garantito l‘accesso al sistema operativo Android con inclusi i permessi di root ed ha installato i “Framework Xposed”, può procedere con l’ausilio del modulo “IMEI Changer”, abilitandolo e riavviando il telefono. A questo punto, bisogna avviare l’applicazione “IMEI Changer”, digitare un nuovo codice IMEI o generarlo in maniera casuale se si usa la versione Pro, e selezionare “Apply”. Da qui, riavviando lo smartphone si potrà procedere come descritto in precedenza e verificare l’avvenuto cambio dell’IMEI.

Per chi non avesse i diritti di root, l’applicazione da installare è “MTK Engineering Mode“. Dalla scheda “Connectivity”, bisogna selezionare “CDS Information” e successivamente “Radio Information”. In alto apparirà la dicitura “AT+” e, cancellando e riscrivendo il +, compariranno dei suggerimenti, dai quali si deve selezionare “AT+EGMAR=1,7,”…” “, inserendo al posto dei puntini il codice IMEI desiderato ed infine selezionando “SEND AT COMMAND”. Una volta riavviato, lo smartphone avrà un nuovo codice IMEI.

È bene sempre appuntarsi il codice originale, in modo da poterlo ripristinare in caso di necessità, e ricordarsi di agire nel rispetto della legalità.


Leggi anche

smartphone

La nuova generazione di smartphone e il mondo della convenienza

Gli smartphone sono indubbiamente l’elemento che più ha cambiato le nostre vite. È proprio attraverso ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *