venerdì , settembre 20 2019
Home / Tecnologia / Collare gps per animali domestici, come funziona
Collare gps per animali domestici, come funziona

Collare gps per animali domestici, come funziona

La “wearable technology” ovvero la tecnologia che si può indossare sta prendendo sempre più il largo, infatti cresce l’utilizzo degli smartwatch specialmente da parte dei giovani. Ma non è l’unico esempio, infatti esistono in commercio anche degli strumenti tecnologici indossabili per gli animali domestici.

Infatti, il collare dotato di tecnologia gps per gatti e cani è uno strumento davvero utile se si ha il timore di poter perdere il proprio amico a quattro zampe. Non è infrequente che gatti o cani decidano di scappare, specialmente nel periodo del calore.

La tecnologia dei collari satellitari consente di tener traccia di ogni spostamento dell’animale in tempo reale, attraverso l’apposita applicazione collegata. In questo modo sarà davvero facile recuperare il proprio cane o gatto lontano da casa.

Diversi modelli di collare gps

In commercio è possibile trovare diversi modelli di collare gps, con diverse funzionalità. Ovviamente, più funzioni equivalgono ad un costo più elevato: si passa da circa 50 euro ad un centinaio.

Alcuni collari emettono un segnale quando l’animale si allontana dalla cosiddetta “area sicura” contrassegnata. Altri, invece, sono più performanti e combinano la localizzazione al monitoraggio delle attività, come la temperatura e la distanza percorsa, proprio come fa uno smartwatch per gli esseri umani.

Altri ancora, sono dotati di strumenti utili in caso di smarrimento, come pulsanti in grado di lanciare un sos in caso qualcuno dovesse ritrovare l’animale smarrito oppure la possibilità di registrare i propri dati come l’indirizzo ed il numero di telefono.

I requisiti fondamentali da tenere in considerazione, oltre alle caratteristiche, sono essenzialmente due: la tipologia di connessione utilizzata e la durata della batteria. Alcuni, infatti, necessitano di wifi per poter inviare il segnale, per altri basta la connessione 2g o 3g, ma richiedono un abbonamento dati da acquistare separatamente e pagare mensilmente. In più, in caso di viaggio all’estero va aggiornato l’abbonamento e a volte pagato un sovraprezzo.

Per quanto concerne la batteria, invece, purtroppo per questi dispositivi è un tasto dolente e dura tra i due ed i cinque giorni in media. Alcuni modelli comprendono nel prezzo anche una batteria intercambiabile per poterla sostituire mentre l’altra è in carica.

Leggi anche

Cosa sono i podcast?

Cosa sono i podcast?

Ultimamente si sente spesso parlare di podcast. Ma cosa sono in realtà? A cosa servono? ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *