martedì , novembre 19 2019
Home / Web / Fra paypal e bitcoin: come la tecnologia sta cambiando il nostro modo di pagare

Fra paypal e bitcoin: come la tecnologia sta cambiando il nostro modo di pagare

In principio era il portafogli le banconote, le monete e tutto quello che conosciamo. Il mondo pre-internet ci vedeva abituati a questo tipo di transazioni, se dal negoziante sotto casa o nel grande supermercato, poco sarebbe cambiato: il metodo di pagamento sarebbe stato lo stesso.

Internet ha cambiato tutto. Dalle relazioni personali, al nostro modo di vedere, comunicare, divertirci, anche il nostro modo di pagare è cambiato in maniera irreversibile, dapprima solo nel mondo online, subito dopo i nuovi metodi di pagamento sono esondati in quello che ci ostiniamo a chiamare “mondo reale”.

Il primo sistema di pagamento che rivoluzionò le transazioni online fu sicuramente Paypal. La società nacque nel 1998 con il nome di Confinity, nel 2000 si fuse con X.com fondata da Elon Musk, dal 2002 al 2015 divenne una società controllata da EBay. Il funzionamento è semplice: consentire transazioni senza dover condividere i dati della carta con il destinatario finale del pagamento: il sistema infatti non trasmette i dati sensibili delle carte collegate al conto. Sostanzialmente, PayPal è un intermediario finanziario in quanto è un fornitore di servizi di pagamento o trasferimento di denaro.

A questo servizio di base ne sono stati agganciati diversi altri: i programmi di protezione – una sorta di assicurazione – la possibilità di agganciare i propri conti bancari e carte di credito all’account paypal e così via. Paypal è diffuso in centinaia di paesi nel mondo ed è di gran lunga uno dei sistemi di pagamento digitali più utilizzati e conosciuti al mondo utile anche come carta virtuale per il carburante.

Un altro sistema di pagamento digitale degno di nota è il Beacon che sfrutta un tipo di collegamento bluetooth a basso consumo il BLE (Bluetooth Low Energy), funziona così: se uno smartphone entra nel raggio di un dispositivo Beacon si attiva un collegamento utile ad effettuare una transazione. Questi dispositivi non scambiano solo denaro dallo smartphone alla cassa del negoziante possessore del Beacon ma è anche possibile comunicare sconti e promozioni. Tra i sostenitori di questa tecnologia, Paypal e la stessa Apple che ha sviluppato il progetto “iBeacon”

Non potevano mancare in questo ricchissimo agone Apple e Google. La grande G ha lanciato Google Wallet che consente di pagare tramite il nostro smartphone android. Utilizzando la tecnologia NFC si possono pagare migliaia di servizi usando lo Smartphone o lo smart watch.

Apple non resta a guardare: con il programma Apple Pay chiunque possegga un Iphone 6 o superiore potrà pagare in 200 mila negozi Usa, stessa tecnologia del google wallet: NFC.

Infine, un discorso a parte merita il famoso e famigerato Bitcoin e la connessa blockchain che l’ha generato. Il bitcoin è una moneta virtuale non emessa né regolata da una banca centrale o da un governo, ma frutto di un algoritmo. Le transazioni avvengono su un database distribuito tra i nodi di una rete (peer-to-peer). Dal 2009, ad oggi le sue quotazioni sono salite da 5 centesimi di dollaro a 450 dollari, ovviamente la stabilità e l’affidabilità della moneta è altamente volatile non avendo (ancora) un corso fisico attivo. Ma negli ultimi tempi sono nati atm e bancomat che distribuiscono bitcoin come il Robocoin Kiosk che si trova presso Luiss Enlabs a Roma. Sempre più spesso nascono applicazioni specifiche e programmi finanziari basati sui bitcoin o perlomeno mixate con l’uso dei bitcoin, non mancano neanche la carta virtuale per il carburante basata sui bitcoin.

L’avvento della blockchain

È giusto, in conclusione del post, spendere due parole sulla tecnologia, rivoluzionaria, che ha generato i bitcoin ma che promette di cambiare il nostro mondo in diversi ambiti: la blockchain. La blockchain è una tecnologia in cui il registro è strutturato come una catena di blocchi contenenti le transazioni e la cui validazione è affidata a un meccanismo di consenso, distribuito su tutti i computer della rete. Ciò che rende importante e speciale la tecnologia blockchain è l’immutabilità del registro, la tracciabilità delle transazioni e la sicurezza basata su tecniche crittografiche.La blockchain rivoluzionerà il sistema di certificazioni a cui siamo abituati. Molti sostengono che una nuova internet è stata appena inaugurata: l’Internet delle Transazioni. La blockchain affianca così la Internet delle persone – rappresentata dai social network e l’internet delle cose (IoT) rappresentata dagli elettrodomestici che comunicano fra loro e con gli assistenti virtuali. La spina dorsale di questa nuova internet sono:

 

  • Decentralizzazione
  • Trasparenza
  • Sicurezza
  • Immutabilità
  • Consenso

Partendo da questi principi, la blockchain è diventata la declinazione in digitale di un nuovo concetto di Trust, di fiducia. Per queste ragioni alcuni ritengono che la blockchain possa assumere anche un valore per certi aspetti di tipo “sociale e politico”

Leggi anche

cosa è la seo

Perchè è importante arrivare primi su Google e come ci si riesce

Negli ultimi anni, posizionare il proprio sito web sulla prima pagina di importanti motori di ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *